Alfano: “Con l’eccesso di accoglienza si alimenta il razzismo”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:42

Il leader di Ncd Angelino Alfano, questa mattina, intervenendo durante una trasmissione di Radio Anch’io ha messo in discussione l’efficienza delle nostre politiche di accoglienza dei migranti: “L’Italia è un paese accogliente, ma stanco – ha affermato – con l’eccesso di accoglienza si alimenta il razzismo. Se non si vuole un’Italia xenofoba e che vota Lega, non possiamo accogliere tutti”.

Il leader è intervenuto anche in merito ai rapporti interni al centrodestra: “Se Forza Italia intende andare appresso a Salvini e trascinamento di Salvini – ha continuato – i suoi voti andranno alla destra estrema oppure a noi. Non è possibile immaginare un centrodestra guidato dalla destra estrema, non sarebbe un centrodestra, in Europa e nel mondo non esiste un centrodestra così”.
Poi, la sua disapprovazione nei confronti di un’ipotetica uscita dall’euro: “In un centrodestra che non voglia abolire l’euro e uscire dall’Europa e da Schengen – ha detto – mi ritrovo eccome. Ma la scelta della leadership deve avvenire da parte della gente, con le primarie”. Secondo Alfano, infatti, “non può esserci un sorteggio né il lancio della monetina”. Né tantomeno, ha continuato, “può scegliere uno solo per tutti gli altri”.

E nella conclusione dell’intervista, ha ribadito al propria appartenenza a un centrodestra che lui definisce autentico: “Noi siamo dentro il Ppe, siamo stati ammessi e siamo contenti di questo. Dentro questo governo facciamo cose tipiche del centrodestra. Abbiamo realizzato l’abolizione dell’articolo 18, dato mezzo miliardo alle famiglie, voluto la detassazione totale delle assunzioni, lottiamo per la responsabilità civile dei magistrati e per combattere l’occupazione abusiva delle case. Facciamo insomma fino in fondo il nostro mestiere, realizzando obiettivi tipici del centrodestra”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.