Gimbe: i casi rallentano, ma il picco dei morti è al +42% in 7 giorni

Il presidente Cartabellotta: "Ipotizzare un allentamento delle misure con l'obiettivo di salvare il Natale, rischia di avere conseguenze molto gravi, in termini di vite umane"

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:41

Nella settimana dall’11 al 17 novembre si vede un primo rallentamento nella crescita dei casi di Covid in Italia, ma resta esponenziale l’incremento dei decessi, che aumenta del 41,7%: sono stati infatti 4.134 rispetto a 2.918 della settimana precedente.

La curva può ancora aumentare per il Gimbe

É quanto emerge dal nuovo monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe che sottolinea come “tale incremento riguardante i decessi è destinato ad aumentare nelle prossime settimane, perché l’effetto delle misure riduce prima gli indici di contagio, poi i ricoveri e le terapie intensive, e solo da ultimo i decessi”. Dall’11 al 17 si vede una stabilizzazione dell’incremento dei nuovi casi. Sono 242.609 rispetto ai 235.634 della settimana precedente (+24,4%). Questo in seguito ad una lieve riduzione dei tamponi (854.626 rispetto a 872.026, ovvero -2%). Sul fronte degli ospedali, si registra un ulteriore incremento dei ricoverati in reparto (33.074 rispetto a 28.633, +15,5%) e in terapia intensiva (3.612 rispetto a 2.971, +21,6%).

Picco dei morti, +42% in 7 giorni

“Le misure di contenimento – spiega il presidente Gimbe Nino Cartabellotta – non hanno appiattito la curva dei contagi, che continua a salire, seppure con velocità ridotta, analogamente a quella dei ricoverati e delle terapie intensive. Il contagio, in sostanza, è come un’automobile che, dopo avere accelerato la corsa per settimane, ora viaggia ad una velocità molto elevata ma costante”. Infatti, se nell’ultima settimana l’incremento percentuale dei nuovi casi passa dal 31% al 24,4%, questi sono comunque aumentati di 242.609 unità rispetto alla settimana precedente. Il risultato è che i pazienti Covid “stanno progressivamente “cannibalizzando” i posti letto di altri reparti”, limitando la capacità di assistere pazienti con altre malattie. In questo scenario, conclude, “ipotizzare un allentamento delle misure con l’obiettivo di salvare il Natale, rischia di avere conseguenze molto gravi, in termini di vite umane”.

In una settimana contagi a +32,7% in Puglia

Nella settimana dall’11 al 17 novembre, in Puglia i nuovi contagi da coronavirus sono aumentati del 32,7%. Dati oltre la media nazionale che è stata del 24,4% e il rapporto positivi/tamponi è aumentato sino al 26,1% (media italiana pari al 28,4%). Un test su quattro, quindi, risulta essere positivo. É quanto emerge dall’ultimo rapporto settimanale della fondazione Gimbe sull’andamento epidemiologico. Al 17 novembre, ci sono 660 casi attualmente positivi ogni 100mila residenti. É l’occupazione dei posti letto negli ospedali a preoccupare: nelle terapie intensive il 41% dei posti è occupato da pazienti Covid; nel resto dei reparti di Medicina, il tasso di occupazione è del 43%, ben oltre la soglia “critica” del 30% fissata dal ministero della Salute.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.