“Fridays for future”: i giovani tornano in piazza per il clima in 100 città

Il movimento di protesta nato da Greta Thunberg torna in piazza in più di 100 città italiane con presidi studenteschi a tutela del clima

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:35
Greta Thunberg in piazza in Italia (immagine di repertorio)

Riprende l’iniziativa giovanile a favore della tutela del clima denominata “Fridays For Future” (FFF). Il movimento di protesta nato nel 2018 dall’attivista svedese Greta Thunberg è oggi nuovamente in piazza in tutta Italia in più di 100 città con presidi studenteschi.

L’appello di Fridays For Future Italia

“Scioperiamo da una giornata di scuola o di lavoro per inchiodare le persone al potere di fronte alle loro responsabilità e al loro tradimento”, dicono gli organizzatori della sezione italiana.

“Le azioni varieranno di città in città in modo da poter garantire ovunque la sicurezza dei partecipanti. “Siamo di nuovo in piazza. Nonostante ci troviamo in una pandemia globale, la crisi climatica non si è fermata. Anzi, continua ad essere ignorata e trascurata dalle persone al potere”.

“La crisi sanitaria – scrivono gli organizzatori sul proprio sito – ci ha mostrato le contraddizioni dell’attuale sistema economico e sociale, e ci ha costretti ad affrontare la realtà ascoltando la scienza e trattando una situazione di emergenza come tale”.

“Nonostante questo, nessun governo – nemmeno quello italiano – ha iniziato ad ascoltare sul serio gli allarmi che la comunità scientifica ripete da anni. L’avviso è chiaro: rischiamo di spingerci troppo in là. Continuando a immettere CO2 in atmosfera ai livelli attuali supereremo il riscaldamento globale di 1,5°C, il limite sicuro per evitare di innescare reazioni a catena irreversibili che sconvolgerebbero la vita umana sulla Terra”.

“Gli incendi, gli uragani, la siccità, la distruzione dei raccolti, le alluvioni e le migrazioni stanno mietendo vittime oggi e di anno in anno rendono la vita sempre più difficile a milioni di persone in tutto il mondo. Perché tutto questo ancora non basta ai nostri politici per decidersi ad agire? Perché tocca ancora noi – ragazzi, studenti, lavoratori – scendere in strada e cercare di scuoterli?”.

“Questo decennio è cruciale: le scelte che facciamo, le politiche che adottiamo sono determinanti per il futuro della nostra e delle prossime generazioni. A partire dal 2020 la curva delle emissioni deve iniziare a calare, e per farlo è vitale avviare la transizione ecologica. Ogni paese dovrà fare la sua parte, rispettando gli Accordi di Parigi in cui ha stabilito di fare di tutto per evitare il peggio”.

“Questa pandemia è stata – ed è ancora – una tragedia. Ma molti scienziati ed economisti parlano chiaro: le misure per la ripartenza ci possono permettere di avviare la riconversione ecologica, risollevando l’economia – creando nuovi, diversi lavori – e risolvendo allo stesso tempo molti problemi sociali del nostro paese”.

Ritorno al futuro

“Insieme a decine di esperti e associazioni, Fridays for Future ha raccolto nella campagna ‘Ritorno al Futuro‘ molte proposte concrete per il governo italiano. Il tempo per evitare il collasso climatico sta per finire – proseguono i giovani attivisti – ma arrendersi significa destinarci a un futuro nel caos, e non lo accettiamo. Dobbiamo affrontare la realtà e trattare la crisi climatica come una crisi”.

“Vogliamo che la politica dia la priorità alla sopravvivenza dell’umanità piuttosto che all’avidità di pochi. Vogliamo un’economia basata sul benessere delle persone e la tutela degli ecosistemi e non più sul PIL, un’Europa che si impegni a ripagare il suo debito con il sud del mondo. Vogliamo un Ritorno al Futuro. E per questo invitiamo tutti a mobilitarsi in prima persona”.

Alcune delle principali piazze al centro delle iniziative di oggi sono: Milano – Largo Cairoli 9:30. Torino – Piazza Castello 9:30. Genova – Piazza Matteotti 9:00. Roma – Piazza del Popolo 9:30. Napoli – Piazza Municipio 16:00. Qui la mappa completa di tutte le manifestazioni previste da FFF per oggi in Italia.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.