Violenti scontri tra Mossos e indipendentisti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:35

Tensioni e scontri a Barcellona, dove alla vigilia dell'anniversario del referendum cancellato da Madrid, si è riaccesa la mobilitazione indipendentista. Alcuni militanti – tra colpi di manganello e lancio di polveri colorate – si sono scontrati con un corteo di nazionalisti e Guardia Civil, mentre la polizia catalana, i Mossos d'Esquadra, per allontanarli hanno caricato gli indipendentisti. 

La protesta

Secondo quanto si apprende, la rabbia covava da oltre una settimana, ovvero da quando il sindacato aveva convocato una protesta per chiedere l'equiparazione salariale della Guardia Civil e della Polizia Nacional con le unità di sicurezza delle regioni autonome. Ma era stato lo stesso sindacato a far sapere che quell'evento avrebbe offerto l'occasione per far rivivere il ricordo dei giorni di tensione in Catalogna, quelli del referendum.

Nella giornata di sabato, 6.000 manifestanti avevano raccolto l'appello dei Comitati di difesa della Repubblica, che nell'ultima settimana hanno presidiato piazza sant Jaume, da dove oggi sarebbe dovuto partire il corteo sindacale di circa 2.000 persone, che invece ha modificato il proprio percorso. I manifestanti indipendentisti, hanno comunque deciso di raggiungerli, ma si sono trovati di fronte il blocco dei Mossos d'Esquadra, e a quel punto è sono divampati gli scontri. I Mossos d'Esquadra hnno effettuato diverse cariche, rispondendo a lanci di uova e vernici. I feriti, afferma El Mundo, sono stati almeno 14; le persone arrestate, sei.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.