Video choc di due turiste sgozzate

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:34

E' agghiacciante la storia che viene dal Marocco, dove due giovani turiste scandinave sono state violentate e sgozzate nei giorni scorsi. Della barbara esecuzione della danese Louisa Vesterager Jespersen e della norvegese Maren Ueland (rispettivamente 24 e 28 anni) ora circola anche un video sui social che le autorità danesi hanno autenticato. Il sospetto, divenuto quasi certezza, è che si tratti di terrorismo. 

La vicenda

I corpi di Jespersen e Ueland sono stati rinvenuti lunedì a 10 chilometri da Imlil, un piccolo villaggio nell'Alto Atlante, una regione montuosa del Sud, molto popolare tra gli escursionisti occidentali e finora considerata una meta sicura. Una fonte a Imlil ha raccontato che una delle vittime è stata trovata morta dentro la sua tenda, mentre l'altra era all'esterno. Testimoni oculari le avrebbero viste in compagnia di uomini del posto, prima della loro scomparsa. Bionde e belle, le due turiste avevano deciso di intraprendere la scalata della vetta del monte Toubkal. Sono state stuprate prima di essere uccise. Sui loro corpi, le tracce di alcune “coltellate” sul collo, mentre per una di loro è accertata la decapitazione.

Indagini

La Procura reale di Rabat ha fatto sapere di aver arrestato un totale di quattro sospetti, tra cui anche l'esecutore materiale dell'efferato omicidio. Secondo alcuni media norvegesi, i quattro hanno legami con l'Isis e avrebbero giurato fedelltà al gruppo jihadista. Il procuratore, invece, finora ha riferito solo che uno dei sospetti è legato a un gruppo di miliziani, ma non ha specificato quale. Intanto gli inquirenti marocchini stanno lavorando per verificare l'autenticità del video della presunta esecuzione di una delle due escursioniste, che ha creato orrore in rete. Nel filmato, si sente dire in francese “questo è per la Siria, qui ci sono le teste dei vostri”. Le immagini mostrano, tra le grida della vittima, un uomo che decapita una donna con quello che sembra un coltello da cucina. Il video e' stato giudicato autentico dai servizi di intelligence danesi (Pet), mentre il primo ministro danese, Lars Loekke Rasmussen, si e' detto convinto che l'omicidio delle due ragazze può essere considerato “politicamente motivato e quindi un atto di terrorismo”. A suo dire, “ci sono ancora forze oscure che vogliono combattere i nostri valori” e di fronte alle quali “non dobbiamo arrenderci“. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.