Us Election, Trump risponde a Obama: “Contro di me non avrebbe vinto”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:00

“Il presidente Obama dice che avrebbe vinto contro di me” alle elezioni: “in nessun modo avrebbe potuto farlo”. Lo ha scritto il presidente eletto, Donald Trump, su Twitter, elencando alcuni dei motivi per cui Obama non avrebbe vinto, ovvero i “posti di lavoro, l’Isis e l’Obamacare“.

In un’intervista rilasciata alla Cnn assieme al suo consigliere David Axelrod l’attuale inquilino della Casa Bianca si è detto certo che, se avesse potuto candidarsi, avrebbe potuto vincere un terzo mandato. Secondo Obama il suo messaggio di “speranza e cambiamento” è ancora in grado di avere successo. “Ho fiducia in questo e ho fiducia nel fatto che, se avessi potuto correre e articolare il mio messaggio, avrei potuto mobilitare la maggioranza degli americani”. Parole che gli analisti hanno letto come una velata alla campagna elettorale di Hillary Clinton, troppo cauta.

Ufficialmente però Obama è tornato a difendere l’ex first lady. La sua perfomance, ha spiegato il presidente uscente, sarebbe infatti avvenuta in un “contesto difficile” e sottoposta a un “doppio standard” perché donna. Obama ribadisce però che la vittoria di Trump non è una bocciatura dei suoi otto anni alla Casa Bianca. I democratici e la campagna di Hillary, spiega il presidente, non hanno seguito le sue orme e non sono riusciti a creare una coalizione vincente. “Non ha senso dire che i democratici hanno abbandonato la classe dei lavoratori. Il problema è che non erano sul campo per parlare alla comunità“. Da qui l’impegno del presidente a formare la prossima generazione di leader: pur volendosi fare da parte e non essere coinvolto nelle “risposte giorno per giorno” alle decisioni di Trump, così come George W. Bush ha fatto con lui, Obama spiega che il suo “interesse di lungo termine” è sui dirigenti del futuro.

“Voglio usare il mio centro presidenziale come meccanismo per sviluppare la prossima generazione di talenti”. Nel dopo Casa Bianca c’è anche la scrittura di un libro, oltre a una vacanza con Michelle. “Mi ha detto che deve essere una bella vacanza. Se lo merit”.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.