Una pagina Facebook per salvare i cittadini di Damasco dai mortai

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:05

Una pagina Facebook per localizzare i colpi di mortaio che ogni giorno colpiscono Damasco. L’idea è venuta a cinque ragazzi siriani. Il nome della page fan è emblematico: “Yomyat Kzefeh”, vale a dire “Diario del mortaio”. L’obbiettivo è quello di permettere agli abitanti di evitare le zone bombardate e salvarsi la vita. L’iniziativa ha subito riscosso il successo della rete, guadagnando più di 350mila like.

La capitale è, sempre più spesso, nel mirino dell’artiglieria ribelle e dell’esercito regolare. Basti pensare che almeno 20 persone muoiono ogni mese a Damasco a causa dei mortai. Solo nella prima settimana di agosto le vittime sono state 30, tra cui 4 bambini. La pagina Fb riporta fedelmente ogni colpo caduto nei quartieri della città, individua le zone più pericolose e riporta il numero dei morti.

“Ogni colpo di mortaio fa storia a sé, si porta dietro una sofferenza. Alla fine i nostri martiri non sono solo numeri” ha spiegato Anas Aswad, uno degli amministratori di Yomyat Kzefeh. Alcuni utenti hanno rivelato di monitorare di continuo la page, così da evitare rischi.

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.