Un colonnello russo tra i sicari?

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:49

Un colonnello degli 007 militari russi, decorato con il più alto riconoscimento del Paese, sarebbe uno dei sicari che lo scorso marzo avrebbero tentato di avvelenare l'ex spia del Kgb Sergei Skripal e sua figlia Yulia a Salisbury. 

Rivelazione

A sostenerlo è un'agenzia giornalistica investigativa, la Bellingcat website, guidata da un giornalista e blogger britannico Elliott Higgins e che ha lavorato in collaborazione con il Telegraph: la “vera identita'” di uno dei due uomini ricercati nell'attacco con l'agente nervino sarebbe quella del colonnello Anatoliy Vladimirovich Chepiga (secondo l'antiterrorismo britannico si chiama invece Ruslan Boshirov).

Il militare

Secondo la rivelazione, il 39enne ha prestato servizio in guerra in Cecenia e Ucraina ed è stato nominato Eroe della Federazione Russa per decreto del presidente Vladimir Putin nel 2014 in una cerimonia riservata. Per il governo britannico, Boshirov e Alexander Petrov, l'altro sospettato, erano agenti del servizio di intelligence militare russo, cosa smentita da entrambi in un'intervista al canale russo Rt; le autorità britanniche avevano avvertito che forse erano entrati nel Paese con pseudonimi e passaporti falsi.

Reazioni

Downing Street non ha per ora commentato anche se non ha smentito l'informazione. Bellingcat, che si dichiara specializzato in inchieste basate su “open source e social network“, sostiene che il colonnello Chepiga ha prestato servizio nella seconda guerra di Cecenia ed è stato “visto vicino al confine ucraino alla fine del 2014” . Putin aveva detto che gli aspiranti assassini di Skripal erano “civili“. Intanto il portavoce del ministero degli Esteri a Mosca ha liquidato la rivelazione come parte di una “campagna mediatica“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.