TUNISIA, NUOVI BLITZ ANTITERRORISMO: SMANTELLATE DUE CELLULE JIHADISTE

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:26

Prosegue in Tunisia l’operazione antiterrorismo che ha portato gli agenti allo smantellamento di diverse cellule jihadiste. La prima nella regione di Dahmani al Kef, non lontano dal confine algerino, formata da 6 persone accusate di essere in contatto con i gruppi di estremisti islamici rifugiati nelle montagne della zona, inoltre pianificavano attentati contro le caserme della polizia a Tunisi e al Kef.

Un secondo blitz è avvenuto nella città di Kairouan, composta da 7 membri, tutti accusati di avere stretti collegamenti con gli autori della strage al museo del Bardo dello scorso marzo e di operare in stretta collaborazione con elementi terroristici attivi sul territorio libico. Tutte le persone arrestate sono state condotte davanti all’autorità giudiziaria del Tribunale di Tunisi per i prescritti interrogatori.

Intanto proprio la settimana scorsa il presidente Essebsi ha annunciato che verrà prorogato di 60 giorni lo stato di emergenza proclamato il 4 luglio per far fronte al rischio di nuovi attacchi jihadisti. E’ proprio grazie a questo provvedimento che alla polizia e all’esercito sono concessi poteri eccezionali per intervenire nelle indagini e nei blitz antiterrorismo.

 

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.