Trump: “I clandestini? Espellerli subito”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 2:00

Chi attraversa illegalmente il confine degli Stati Uniti va espulso “immediatamente” senza la possibilità di comparire davanti a un giudice. Lo ha detto il presidente Usa, Donald Trump. La sua proposta rappresenterebbe, però, una violazione del principio del giusto processo. 

Critiche al sistema

“Non possiamo permettere a queste persone di invadere il nostro Paese. Quando qualcuno arriva, dobbiamo immediatamente, senza giudici o passaggi giudiziari, rimandarli da dove sono venuti” ha twittato il leader della Casa Bianca. “Il nostro sistema è una presa in giro di una buona politica per l'immigrazione, della legge e dell'ordine. La maggior parte dei bambini (che arrivano) sono senza genitori. La nostra politica di immigrazione, che tutti irridono, è molto ingiusta nei confronti di tutti coloro che hanno affrontato il sistema in maniera legale e hanno atteso anni on line”.

Giusto processo

Il principio giuridico del giusto processo stabilisce che lo Stato debba rispettare il diritto delle persone a essere sottoposte a un procedimento giusto ed equo. Questo precetto comporta il diritto degli individui di comparire davanti a un giudice. Negli Stati Uniti, quando gli immigrati sono detenuti sono soggetti alla giurisdizione di un magistrato, che decide se devono essere espulsi o, al contrario, possono rimanere nel Paese, perché hanno i requisiti per presentare una domanda di asilo. Le parole di Trump sono un ulteriore passo nella politica dell'amministrazione sempre più dura nei confronti dell'immigrazione clandestina. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.