TRIPOLI, ESPLODE UN’AUTOBOMBA VICINO AGLI UFFICI DELL’ENI: L’ISIS RIVENDICA L’ATTENTATO

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:15

Alcune fonti libiche riferiscono che a Tripoli si è verificata l’esplosione di un’autobomba in prossimità degli edifici che ospitano la compagnia Eni. “Non ci sono stati né feriti né danni rilevanti agli uffici”, ha riferito portavoce di Eni a seguito dell’esplosione. Ieri la compagnia ha annunciato il ritrovamento di un grosso giacimento di gas in Egitto.

Intanto a distanza di poche ore dalla deflagrazione, il Califfato ne ha rivendicato la responsabilità: “I soldati dello Stato islamico sono stati in grado di colpire una delle tane dei rinnegati a Tripoli”, si legge in una dichiarazione pubblicata su un profilo Twitter legato all’Isis.

L’autobomba ha scosso l’intero quartiere di Dahra, dove hanno sede diverse ambasciate straniere della capitale libica. Il territorio si trova sotto il controllo delle milizie di Alba della Libia fedeli al Congresso generale nazionale, parlamento filo-islamista eletto nel 2012 e riconosciuto illegittimo dalla comunità internazionale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.