Tragedia sfiorata durante il salvataggio dei giovani

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:30

Avrebbe potuto trasformarsi in un disastro l'operazione di salvataggio dei 12 giovani calciatori e del loro allenatore, rinchiusi per 17 giorni nella grotta di Tham Luang (provincia di Chiang Rai, Thailandia) e tirati fuori sani e salvi. 

Il guasto

Lo hanno rivelato tre sommozzatori australiani al Guardian: le pompe dell'acqua che prosciugavano l'area si sono guastate solo poche ore dopo che l'ultimo ragazzo era stato evacuato. I sommozzatori e i soccorritori erano ancora a più di un chilometro e mezzo all'interno della caverna a smontare le attrezzature quando le pompe principali si sono bloccate, portando i livelli dell'acqua ad aumentare rapidamente

Panico

I tre sub che hanno parlato con il quotidiano erano di stanza nella “camera tre“, una base all'interno della grotta. Raccontano di aver sentito urlare e ha visto parecchie torce da elmetto avvicinarsi dalla parte più profonda del tunnel mentre gli operai si arrampicavano per raggiungere il terreno asciutto. “Le urla sono cominciate perché le pompe principali hanno fallito e l'acqua ha iniziato a salire”, ha detto uno dei subacquei, parlando in modo anonimo in quanto non autorizzato. “Tutti questi fari iniziavano a salire sulla collina e l'acqua stava arrivando… Stava aumentando notevolmente”. I rimanenti 100 lavoratori all'interno della caverna si sono precipitati freneticamente verso l'uscita, raggiunta meno di un'ora dopo. Fra questi c'erano anche gli ultimi tre Navy Seals e i medici della marina thailandese che avevano passato gran parte della settimana con i ragazzi intrappolati. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.