Torture Cia, Cheney: Bush conosceva i metodi di interrogatorio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:33

“Quello che doveva essere fatto è stato fatto. Credo che fossimo perfettamente giustificati nel farlo. E lo rifarei in un minuto”. Queste sono le parole dell’ex vice presidente Usa, Dick Cheney che non ha accettato, criticandolo, il rapporto del Senato riguardante le torture messe in atto dalla Cia negli interrogatori durante l’amministrazione Bush.

Cheney, sempre riferendosi al lungo rapporto di 528 pagine, ha fatto sapere che Bush era a conoscenza sui metodi usati negli interrogatori e che addirittura indicò alcune di queste conversazioni in un libro che scrisse dopo aver lasciato la Casa Bianca.

Secondo quanto sostiene Cheney le torture avrebbero aiutato gli Usa a catturare i responsabili che uccisero 3.ooo persone nella strage dell’ attentato alle Torri Gemelle l’11 settembre. “Quei metodi – sostiene l’ex vice Presidente – hanno di fatto aiutato a produrre informazioni vitali per mantenere il Paese al sicuro da ulteriori attacchi”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.