“Tornate in Israele, l’Europa è persa”: l’appello del rabbino dopo Barcellona

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:37

La comunità ebraica spagnola è ormai “condannata” sia a causa dell’islam radicale sia per la presunta riluttanza delle autorità a confrontarsi con questo. Per tale motivo, gli ebrei iberici dovrebbero “pensare di non essere” in Spagna “per sempre”.

L’intervista al rabbino catalano

Lo ha detto Meir Bar-Hen, Rabbino capo della Catalogna, commentando, prima dell’inizio dello Shabbat, l’attentato terroristico compiuto giovedì a Barcellona quando una camionetta guidata da attentatori affiliati all’Isis ha attraversato la Rambla ferendo circa 200 persone ed uccidendone 15, compresi tre italiani.

Bar-Hen – citato da Ansa e Agi – ha poi precisato di parlare a titolo personale e ha incoraggiato i suoi connazionali a “comprare proprietà in Israele”. “Questo posto è perso. – ha spiegato -. Non rifate l’errore degli ebrei dell’Algeria, del Venezuela. Meglio andarsene via subito prima che sia troppo tardi”.

“Ciò che ha evidenziato questo attacco”, ha concluso, è “la presenza di una comunità musulmana radicalizzata. Una volta che queste persone vivono tra di noi, è davvero difficile liberarsene. Diventeranno sempre più forti. L’Europa è persa”.

Il suo colloquio con l’agenzia di stampa Jta (durante il quale ha anche descritto la Catalogna come “un hub di terrore islamista per tutta l’Europa”) è subito stato ripreso su diversi siti europei e israeliani, causando reazioni e commenti di ogni tipo.

Il commento della comunità ebraica spagnola

In risposta alle parole del rabbino capo, la Federazione delle comunità ebraiche di Spagna – si legge nel sito The Time of Israel – ha diffuso un comunicato in cui assicura una “fiducia totale nelle forze di sicurezza che lavorano quotidianamente per impedire ai fanatici e ai musulmani radicali di infliggere dolori e caos alle nostre città”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.