Terminal petroliferi strappati ad Haftar

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:00

Grave smacco per il generale Khalifa Haftar. La milizia guidata Ibrahim Jadhran ha, infatti, occupato i due maggiori terminal petroliferi libici, Sidra e Ras Lanuf, strappandoli alle truppe fedeli all'uomo forte della Cirenaica.

L'attacco

Lo riporta un comunicato della compagnia petrolifera nazionale libica (Noc). La Noc, nel documento in cui annuncia il blocco dei carichi di greggio scattato da giovedì a Ras Lanuf ed es-Sider (Sidra) per cause di “forza maggiore”, ha confermato che “una milizia armata“, “guidata da Ibrahim Jadhran”, ha “attaccato entrambi i terminal provocandone la chiusura” e l'evacuazione di tutti i dipendenti della compagnia petrolifera “come misura precauzionale”. L'assalto era stato sferrato giovedì mattina, ricorda il sito Libya Herald segnalando che Jadhran, ex comandante della Regione centrale delle Guardie degli impianti petroliferi (Pfg), ha “preso il controllo dei terminal petroliferi di Sidra e Ras Lanuf”.

Danno economico

Jadhran in passato aveva controllato gli impianti e aveva imposto un embargo alle esportazioni prima di essere scacciato dall'area dall'Esercito nazionale libico (Lna) di Haftar nel settembre 2016, ricorda l'Herald. In seguito erano falliti vari tentativi di milizie avverse alla Lna di conquistare i terminal. La Noc comunque annuncia che “lavorerà con partner locali e governativi per riportare l'ordine e la piena capacità produttiva appena possibile”. La Compagnia ha indicato che la perdita sarà di 240 mila barili al giorno. L'attacco di Jadhran é stato condannato dal premier libico Fayez Al Sarraj e dalla missione dell'Onu in Libia.

Il conflitto si aggrava

L'ambasciatore d'Italia a Tripoli, Giuseppe Perrone, con un messaggio inglese sul proprio account Twitter, ha definito l'episodio un “passo negativo che aggrava il conflitto e mette in pericolo risorse preziose appartenenti al popolo libico”. La “spirale” di violenza nell'est della Libia non fa altro che aggravare una crisi che invece richiede dialogo e riconciliazione”, ha avvertito inoltre il diplomatico.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.