Task force multinazionale attaccata da Boko Haram

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:33

Miliziani appartenenti al gruppo jihadista di Boko Haram hanno attaccato due basi militari nella Nigeria nordorientale e sono arrivati a occupare la sede della Task Force multinazionale congiunta (Mnjtf), creata per combattere proprio la sigla terroristica sunnita.

L'attacco

Le autorità nigeriane hanno riportato che i miliziani islamisti hanno invaso la base della Mnjtf, forza composta dagli eserciti di Nigeria, Ciad, Camerun, Niger e Benin, nella città di Baga nei pressi del confine con il Ciad, e saccheggiato una base navale a 5 chilometri dal centro, nello stato nordorientale di Borno.
Una fonte militare ha riferito a Afp che i soldati egiziani sono stati “sopraffatti e costretti a ritirarsi” e che i miliziani hanno portato via “veicoli, munizioni e diversi lanciarazzi” dalla base. Secondo la fonte, i membri di Boko Haram hanno attaccato il quartier generale a bordo di diverse vetture. I soldati dalle due basi si sarebbero poi ritirati verso un'altra base navale lungo il lago Ciad.

Vittima

Il portavoce dell'esercito nigeriano Sani Usman ha confermato l'attacco e ha dichiarato che è stato ucciso un soldato della marina. “Le truppe insieme alle loro controparti della Marina nigeriana hanno lottato in maniera molto determinata” per tutta la notte, ha detto Usman secondo quanto riporta al-Jazeera, aggiungendo che “anche la Nigerian Air Force è stata mobilitata e sta ingaggiando i terroristi in fuga”.
Al-Jazeera ha confermato che i combattimenti a Baga sono tuttora in corso. La base della Mnjtf, che si trova in una comunità di pescatori, era già stata invasa da Boko Haram nel 2015 che aveva occupato Baga.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.