Spari e morti nonostante la tregua

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:49

Sporadici combattimenti si sono verificati nella Ghouta orientale, nonostante la tregua umanitaria ordinata da Vladimir Putin dalle 9 alle 14 di oggi. Un bambino è morto nell'esplosione di un razzo lanciato dalle forze lealiste, mentre 7 persone sono rimaste ferite. 

Tregua violata

Secondo l'Osservatorio siriano per i diritti umani, le truppe di Assad hanno lanciato quattro razzi contro la località di Yisrin e i jet hanno bombardato siti non identificati ad Arbin, Kafr Batna e Al Iftiris, mentre due elicotteri delle forze governative hanno lanciato due bombe-barili ad Al Shifunia. Anche l'Onu ha detto di aver ricevuto notizie di esplosioni a Ghouta Est, ma non è chiaro cosa sia accaduto. Le autorità siriane hanno consentito la creazione di un corridoio umanitario per facilitare l'uscita dei civili dalla martoriata area. Ma Mosca e Damasco hanno accusato “gruppi terroristici” (come chiamano i ribelli) di aver lanciato colpi di mortaio sul corridoio umanitario, impedendo l'evacuazione di feriti e civili. “Il passaggio umanitario è stato aperto alle 9 del mattino per consentire ai civili di lasciare l'area ma i miliziani hanno cominciato a sparare, e non un solo civile ha lasciato la zona”, ha denunciato il generale russo, Viktor Pankov.

Lo scandalo

Sempre dalla Siria, arriva una notizia che getta nuove ombre sugli operatori umanitari, dopo lo scandalo che ha investito Oxfam e altre Ong: alcune donne siriane, in cambio degli aiuti, sarebbero state costrette a prostituirsi o a subire abusi sessuali da parte di persone che lavoravano per le Nazioni Unite o per organizzazioni di volontariato. A denunciarlo è un rapporto pubblicato dal Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (Unfpa), intitolato “Voices from Syria 2018“. L'indagine ha preso le mosse dalle denunce presentate da alcune donne nel 2015 ma un'inchiesta della Bbc sostiene che gli abusi non sono cessati. Operatori umanitari hanno riferito all'emittente britannica che lo sfruttamento delle donne era arrivato a un livello tale che molte siriane per lungo tempo hanno evitato di recarsi nei centri di distribuzione degli aiuti, perché era dato per scontato che chi aveva ricevuto cibo aveva accettato il ricatto sessuale.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.