Sparatoria a San Antonio durante un concerto: 2 morti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 6:20

Prossegue la scia di morti da armi da fuoco in Americica. Due persone sono morte e cinque sono rimaste ferite dopo una sparatoria in un bar di San Antonio, in Texas. Secondo quanto riportato dalla polizia, gli spari sono avvenuti domenica sera, verso le 20 (le 3 di lunedì in Italia) nel corso di un concerto quando due diversi gruppi di persone hanno iniziato a litigare: qualcuno ha estratto la pistola e ha sparato. Una uomo è morto nel locale – che si trova lungo la parte del River Walk del Museo di San Antonio – mentre la seconda vittima è spirata poco dopo il suo arrivo in ospedale.

La sparatoria alla  Bellaire High School

E' certo che questa ennesima sparatoria riaprirà la mai chiusa controversia sulla diffusione delle armi da fuoco negli Stati Uniti. Sempre il Texas, lo scoros 15 gennaio, era stato segnato dalla notizia di una sparatoria in un liceo di Houston, dove uno studente di 16 anni era morto per mano di un suo compagno d scuola che gli aveva sparato all'uscita di scuola. Il killer era stato arrestato dopo una fuga durata 4 ore. La sparatoria era avvenuta intorno alle 16 locali nella Bellaire High School, in una zona residenziale della città. Il giovane, colpito al petto, era stato trasportato in ospedale ma per non ce l'aveva fatta, era spirato poco dopo. Lo scorso 29 dicembre, sempre in Texas, un uomo aveva aperto il fuoco contro i fedeli che partecipavano alla messa nella West Freeway Church of Christ di White Settlement, vicino a Fort Worth, uccidendo due persone. L'aggressore era stato a sua volta ucciso a colpi di arma da fuoco da due parrocchiani, volontari di una squadra di sicurezza della chiesa. Le armi da fuoco uccidono circa 36mila persone negli Stati Uniti ogni anno, scrive Ap, comprendendo suicidi, omicidi, sparatorie e incidenti in cui è coinvolta la polizia.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.