Sospesa l'attività di 18 ong

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:33

Il governo del Pakistan ha sospeso l'attività di 18 ong, respingendo i loro appelli contro un ordine simile emesso a dicembre dal ministero degli Interni.

La situazione

I problemi per le organizzazioni non governative straniere sono iniziati a fine 2017, quando l'esecutivo aveva congelato, senza spiegare i motivi le operazioni, di 21 ong che sostenevano di non aver ottenuto la registrazione per operare, ha spiegato il direttore di ActionAid in Pakistan, Abdul Khaliq. Le organizzazioni internazionali hanno avuto un periodo di tre mesi per impugnare la decisione. “Abbiamo ricevuto una lettera dal governo dicendo che il nostro ricorso è stato respinto, quindi dobbiamo interrompere le nostre operazioni entro 60 giorni e possiamo richiedere la registrazione entro sei mesi”, ha spiegato Khaliq.

Preoccupazione

Il direttore di ActionAid ha affermato che 18 ong internazionali sospese avevano fatto appello all'Interno, ma nessuno nessuno è stato accolto. Secondo il direttore esecutivo dell'organizzazione, Adriano Campolina, la decisione del Pakistan rappresenta “una preoccupante escalation per i recenti attacchi alla società civile, agli intellettuali e ai giornalisti”. “Le vittime immediate saranno migliaia di famiglie di pakistani che ActionAid ha aiutato a far valere i propri diritti e a costruire una vita migliore. Se questa tendenza continua, la democrazia conquistata a fatica in Pakistan diventerà l'ultima vittima“, ha aggiunto Campolina.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.