Somalia, al-Shabaab assalta hotel: 26 morti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:07

E'salito a 26 morti e almeno 40 feriti il bilancio dell'attacco di ieri contro l'hotel Asaseys di Kismayo, in Somalia, rivendicato dagli shabaab: le forze somale, ha detto un agente di polizia – Abdiqadir Nur – hanno posto fine questa mattina all'assedio dell'hotel durato oltre 14 ore. Un commando è entrato ed ha attaccato le persone all'interno dell'Hotel Asasey nella città portuale di Kismayo, nel sud della Somalia, mentre era in corso una riunione politica. Il gruppo armato ha iniziando a sparare dopo l’esplosione dovuta all’azione di un kamikaze avvenuta poco prima e si è poi barricato nell'albergo. Il lungo assedio è terminato solo poco fa dopo un lungo scontro con le forze di sicurezza somale.  L'edificio – andato in gran parte distrutto dall'assalto e dall'autobomba – ospitava uomini d'affari e politici che erano in città per la preparazione delle elezioni presidenziali nella regione semi-autonoma dello Jubaland, prevista per la fine di agosto. 

Hodan Nalayeh

La stazione radio indipendente Dalsan ha confermato che nell'attentato è morta anche la nota giornalista canadese Hodan Nalayeh e suo marito Farid Jama Suleiman. La 43enne fondatrice di Integration Tv e autrice di programmi youtube per le comunità somale in lingua inglese, si trovava in Somalia in vacanaza. Il ministro dell'Immigrazione canadese, Ahmed Hussen, ha postato un messaggio di cordoglio: “Con il suo lavoro di giornalista, ha messo in luce le notizie e i contributi positivi delle comunità, dandone notizia in Canada, ed è diventata una voce per molti. Il suo lavoro ha rafforzato i legami fra le comunità somale del Canada e la Somalia nel suo continuo processo di stabilizzazione e ricostruzione”, ha concluso Hussen. Il gruppo terroristico di al- shabaab è tra i più attivi in Somalia e nell'intero Corno d'Africa. Negli ultmini 5 anni, ha rivendicato numerosi attentati.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.