Siria, fosse comuni rinvenute ad Aleppo est: sui corpi segni di torture

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:55

Diverse di fosse comuni sono state rinvenute dai militari russi nella parte di Aleppo strappata nei giorni scorsi alle milizie ribelli e qaediste. Mosca afferma che al loro interno giacevano i resti di “diverse decine di siriani che hanno subito atroci torture e massacri”. Il portavoce del ministero della Difesa, Igor Konashenkov, ha detto che alcuni dei cadaveri erano stati mutilati e altri avevano segni di ferite da arma da fuoco.

Massacri e pratiche di tortura, anche ai danni di civili, sono stati denunciati più volte durante gli oltre cinque anni e mezzo del conflitto civile. E volta a volta ne vengono accusati l’esercito governativo e milizie lealiste, gruppi di ribelli e lo Stato islamico. Ma Konashenkov ha affermato che, prima di essere costretti a lasciare i quartieri orientali di Aleppo per oltre quattro anni nelle loro mani, i ribelli hanno anche disseminato mine e trappole esplosive.

L’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus) ha detto che, secondo testimonianze raccolte dal terreno, 63 soldati di Damasco e miliziani loro alleati sono stati uccisi da questi ordigni a partire dal 22 dicembre, quando le forze governative hanno ripreso il controllo della città. Nella sua prima uscita pubblica dopo la riconquista di Aleppo, Bashar al Assad ha visitato, in occasione del Natale, un orfanatrofio cristiano nel sobborgo di Sednaya. Le fotografie pubblicate sulla pagina Facebook della presidenza siriana mostrano il presidente con la moglie Asma insieme con le suore e i bambini.

Intanto le armi non tacciono. Alle porte di Damasco l’Ondus segnala oggi nuovi bombardamenti aerei governativi sulla cittadina di Duma, con un bilancio di almeno una decina di feriti. Mentre l’esercito turco ha affermato in un comunicato che 30 persone sono state uccise da un’autobomba dell’Isis ad Al Bab, nella provincia di Aleppo, che forze ribelli siriane e soldati di Ankara stanno cercando di strappare allo Stato islamico in un’offensiva che dura da quattro mesi. Secondo la Turchia, l’attacco è stato compiuto contro i civili che cercavano di fuggire dalla città, situata 30 chilometri a sud del confine turco. Intensi combattimenti sono in corso anche a nord e ad ovest di Raqqa, la roccaforte dell’Isis in Siria, in coincidenza con un’avanzata delle cosiddette Forze democratiche siriane (Sdf), a predominanza curda, sostenute dagli Usa. Fonti dell’Ondus riferiscono che le Sdf sono arrivate alla località di Tal Samn, 27 chilometri a nord della città. Circa 45 chilometri ad ovest, invece, si trovano ormai a ridosso della diga strategica di Tabqa, sull’Eufrate.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.