Shinzo Abe e Barack Obama insieme per una visita storica a Pearl Harbor

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:00

Il presidente uscente degli Stati Uniti, Barack Obama si appresta a concludere il suo mandato con un’altra visita storica. Infatti il 26 e il 27 dicembre sarà a Pearl Harbor insieme al primo ministro giapponese, Shinzo Abe. A riportarlo sono i media internazionali. “Voglio utilizzare questa opportunità per mostrare rispetto alle vittime – ha dichiarato il premier nipponico -. Deve essere una nostra riconciliazione tra Giappone e Usa. La nostra alleanza è molto importante ed è una speranza per il mondo attuale”. E’ la prima volta dal 1941 che un premier giapponese visita la base militare americana alle Hawaii.

Abe ha annunciato che si recherà in visita presso la base militare americana alle Hawaii attaccata dal Giappone nel 1941 per rendere omaggio per le vittime della guerra. Sarà anche l’occasione per l’ultimo vertice con Barack Obama prima della fine del suo mandato.

La visita del premier Abe a Pearl Harbor si verificherà soltanto pochi giorni dopo il 75esimo anniversario dell’attacco, avvenuto il 7 dicembre del 1941, dei bombardieri giapponesi: oltre 2.000 americani furono uccisi dal fuoco nemico e diverse navi da guerra furono affondate. Tra queste anche la corazzata Arizona, il cui relitto è diventato un monumento alla battaglia.

Shinzo Abe e Barack Obama, nei mesi passati, sono stati protagonisti di un’altra visita storica: lo scorso maggio il presidente Usa si è recato a Hiroshima, città giapponese sulla quale le forze americane sganciarono la bomba atomica il 6 agosto 1945. Accompagnato dal primo ministro nipponico, Obama ha deposto una corona di fiori al Memoriale della Pace, monumento che ricorda le centinaia di migliaia di vittime dell’attacco.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.