Sette, una donna incinta e 5 bambini uccisi in un rito

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:32

Un episodio agghiacciante ha scosso la vita della piccola comunità di Ngäbe-Buglé, nel cuore della giungla vicino Panama, dove la polizia è riuscita a liberare 14 persone di una sedicente comunità religiosa, i cui membri si sarebbero macchiati dell'omicidio di sette persone, torturate e freddate a colpi di machete all'interno di un presunto rituale. Le vittime, sepolte in una fossa comune a pochi chilometri di distanza, sono cinque bambini, una donna incinta – la madre – e una loro vicina di casa di soli 17 anni. 

La vicenda

Il caso è emerso a seguito delle informazioni fornite da tre ragazzi ricoverati nell'ospedale di Veraguas con ustioni e di primo e secondo grado su viso, busto e schiena. Come sottolinea il quotidiano locale El Espectador, dopo il loro rilascio, la procura locale si è attivata per verificare la presenza di tombe contenenti resti di persone morte a seguito di così forti torture, arrivando al rinvenimento della fossa comune: “La famiglia, i bambini, la madre, tutti sono stati massacrati, ma prima torturati a lungo'', ha detto il procuratore locale Rafael Baloyes aggiungendo che i sospettati fanno parte tutti parte della comunità indigena.

Scenario agghiacciante

Secondo le prime indagini, le vittime erano state circuite da dieci predicatori di una sedicente chiesa nota come “La nuova luce di Dio”, insediatasi in loco da tre mesi, e che faceva proselitismo in un ranch all'interno della giungla. Il luogo era così remoto che la polizia ha dovuto farsi strada attraverso le colline alberate fino alla comunità e per procedere ai soccorsi dei sopravvisuti c'è stato bisogno di utilizzare gli elicotteri. Come ha sottolineato il procuratore Baloyes, al loro arrivo gli agenti non si aspettavano di imbattersi in uno scenario agghiacciante: alcuni indigeni erano sottoposti ad un presunto rituale che aveva come scopo la loro conversione. I sottoposti erano stati colpiti con randelli e Bibbie. Fra i superstiti, anche alcune donne incinte e dei bambini, tutti apparenenti alla comunità locale.

Don Buonaiuto: “Si cavalca la disperazione della gente”

“È facile trovarsi dinanzi a realtà pseudocristiane dove possono esserci persone che utilizzano il linguaggio spirituale per altri fini” ha dichiarato don Aldo Buonaiuto, animatore generale del Servizio Antisette dell'Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII, ente internazionale di diritto pontificio fondato da don Oreste Benzi e diffuso in tutto il mondo. “Purtroppo la nostra società è invasa da santoni e gruppi che cavalcano la disperazione della gente” ha aggiunto il sacerdote che al tema ha dedicato una pubblicazione Artigiani del diavolo (Rubbettino) che poggia sulla sua solida attività come esorcita e sacerdote di frontiera.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.