Scoperto il lager dei bambini scomparsi

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:03

Undici giovanissimi di età compresa tra gli 11 e i 15 anni sono stati liberati dalla polizia in Nuovo Messico da un vero e proprio campo dell'orrore, nel quale venivano tenuti prigionieri “nelle peggiori condizioni e assoluta povertà” da uomini armati. 

Orrore

“I bambini erano così affamati che sembravano dei rifugiati di Paesi del terzo mondo”, ha raccontato lo sceriffo della contea di Taos, Jerry Hogrefe. “Non solo non avevano cibo né acqua, ma non indossavano nemmeno le scarpe e non c'era per loro alcuna forma di igiene personale”.

L'indagine

L'indagine era partita lo scorso dicembre a Jonesboro, in Georgia, dopo che un trentanovenne della contea di Clayton, Siraj Wahhaj, era stato accusato dalla moglie di aver rapito il suo bambino, mai ritrovato. Il minore, a detta della madre, soffriva di convulsioni, disturbi e voluti e deficit cognitivi, era andato al parco con il padre ed era scomparso. Il 2 agosto lo sceriffo Hogrefe della contea di Taos ha emesso un mandato di perquisizione descrivendo il campo “improvvisato circondato da pneumatici e muretto in una comunità rurale di Amalia”, dove si pensava che Wahhaj si nascondesse. “L'Fbi però non ha ritenuto che ci fossero motivi sufficienti per entrare nella proprietà”, ha detto Hogrefe. “Le cose sono cambiate quando abbiamo ricevuto un messaggio da un detective della Georgia, probabilmente inviato da un residente nel campo: 'Stiamo morendo di fame e abbiamo bisogno di cibo e acqua'”.

La scoperta

E così che l'ufficiale e i suoi uomini hanno deciso di andare a controllare di persona, “dopo aver appreso che gli occupanti erano molto probabilmente armati”. L'operazione, a cui hanno partecipato una dozzina di agenti, è scattata la mattina del 3 agosto e ha portato al ritrovamento di Wahhaj, insieme ad un'altra persona identificata come Lucas Morten. I due erano nascosti in un cespuglio con un fucile AR-15, quattro pistole cariche, una delle quali in una tasca di Wahhaj e munizioni. Altri proiettili sono state trovate in una sorta di covo, senza acqua né elettricità”, in cui è stata scoperta la presenza di cinque adulti e 11 bambini. Morten è accusato di favoreggiamento personale, mentre Wahhaj è stato arrestato senza possibilità di scarcerazione su cauzione con l'accusa di sottrazione di minori. Tre donne, considerate le madri dei bambini, sono state fermate, interrogate e rilasciate in attesa di ulteriori indagini. Nessuna notizia sul bambino di 3 anni scomparso, ma la polizia ritiene che il piccolo sia stato nel campo qualche settimana fa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.