Scontro fra navi sul Danubio: tra i morti una bimba

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:09

E' salito ad almeno sette morti e 21 dispersi il bilancio dell'affondamento di una nave da turismo con a bordo 33 passeggeri sudcoreani e due membri d'equipaggio ungheresi scontratasi con un'altra imbarcazione nel fiume Danubio, in centro a Budapest. Tra le vittime, anche una bambina di 6 anni. La ricerca dei dispersi da parte dei sommozzatori e delle barche della polizia è durata tutta la notte e sta continuando in queste ore; uno dei corspi è stato ripescato stamattina a diversi chilometri del luogo dell’incidente, avvenuto quasi di fronte alla sede del Parlamento nazionale. Ci sono anche dei feriti. Un portavoce dei servizi di emergenza ungheresi, Pal Gyorfi, ha infatti dichiarato che “sette persone sono state portate in ospedale in condizioni stabili con ipotermia e sintomi di shock. La polizia sta perlustrando il fiume per tutta la lunghezza del Danubio a sud del luogo dell’incidente”. Secondo il sito Index.hu, una persona sarebbe stata salvata nei pressi di Ponte Petofi, a oltre tre chilometri in direzione sud dal luogo del disastro. Il presidente sudcoreano Moon Jae-in ha incaricato i propri funzionari di impiegare “tutte le risorse disponibili” per sostenere le operazioni di soccorso in Ungheria e ha ordinato il lancio di una task-force governativa guidata dal ministro degli Esteri, Kang Kyung-wha, per affrontare l'incidente.

La ricostruzione

Il battello stava in quel momento sostando in rada nei pressi del Parlamento ungherese, quando sarebbe andata a scontrarsi con un'altra imbarcazione che, dopo averla speronata, l'ha fatta rovesciare. La barca, la “Habelany” (Sirena) – di dimensioni piuttosto ridotte con due ponti e una capacità di 60 persone – era ormeggiata quando è stata colpita dall'altra imbarcazione. Nello specifico, un testimone oculare ha raccontato che la nave era stata colpita da dietro da una grande nave da crociera. I filmati delle telecamere posizionati sul tetto di un hotel, pubblicati sui siti di notizie locali, sembrerebbero confermare la versione. Lo schianto potrebbe essere stato favorito dalle non ottimali condizioni del grande corso d'acqua, ingrossato da un temporale che si è nelle scorse ore abbattuto sulla capitale ungherese.

 

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com