Scontro con Hidalgo: lascia il vice sindaco

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:11

Bufera sul Comune di Parigi dopo le dimissioni del vice sindaco e responsabile della Cultura, Bruno Julliard, in rottura aperta con la sindaca Anne Hidalgo. “Divorzio alla parigina. Colpo di scena ma soprattutto rombo del tuono per Anne Hidalgo”, scrive il quotidiano francese Le Monde.

Sostituto

La socialista Hidalgo, spagnola naturalizzata francese, in carica dal 2014, ha preso atto della decisione del suo più stretto collaboratore, senza commentarla, e proposto di sostituirlo con Emmanuel Gregoire, già assessore al Bilancio, alle finanze e alla trasformazione della politiche pubbliche. Il Consiglio comunale, che si riunirà il 24 settembre, dovrà formalizzare la nomina di Gregoire.

L'addio

In una lunga lettera inviata agli elettori e in dichiarazioni rilasciate al quotidiano Le Monde, Julliard non risparmia le critiche alla Hidalgo, sia per le scelte operate dalla sindaca che per la metodologia adottata nella gestione del Comune. “La mia partenza è un atto di sincerità. Spero che riesca a provocare un elettrochoc, un risveglio utile alla sinistra e alla corrente progressista ed ambientalista” ha detto l'ex vice sindaco. 

L'accusa

Nel suo J'accuse Julliard denuncia una “gestione inefficace e solitaria” da parte della Hidalgo, “la mancata apertura e dialogo con i parigini per superare le sfide attuali“, nonché “importanti disaccordi di orientamento e nei metodi di governance che ci hanno sempre più allontanati, rendendoci incompatibili”.
L'annuncio delle dimissioni da parte del numero 2 del comune di Parigi giunge in un contesto di crescenti critiche nei confronti della Hidalgo, in particolare per alcune sue scelte politiche in materia di trasporti, decoro urbano ed edilizia. Nelle ultime settimane diversi candidati potenziali alle elezioni municipali del 2020 si sono già fatti avanti, come accaniti oppositori alla Hidalgo. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.