Pressing del Congresso sulla Casa Bianca

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:23

Il Campidoglio mette sotto pressione Donald Trump sul giallo legato alla scomparsa di Jamal Khashoggi, editorialista saudita dissidente scomparso nel consolato di Riad a Istanbul lo scorso 2 ottobre. 

Monito

Il Congresso, ha spiegato il presidente repubblicano della commissione Affari esteri Marco Rubio, è pronto a prendere provvedimenti laddove risultasse che l'Arabia Saudita sapesse o fosse coinvolta nel caso e Trump non dovesse adottare misure dure contro Riad. 

Fase critica

L'amministratore delegato di JpMorgan, Jamie Dimon e il presidente di Ford, Bill Ford hanno, intanto, fatto sapere che non si recheranno al mega vertice organizzato da Riad e denominato la “Davos nel deserto” in segno di protesta. Il giallo rischia di minare il rapporto fra gli Stati Uniti e un alleato storico del Medio Oriente. Non solo, l'affaire potrebbe avere ripercussioni sull'ambizioso programma di riforme varato da Riad e messo in campo dal principe ereditario, Mohammed ben Salmane. Ieri la Borsa saudita è arrivata a lasciare sul terreno il 7%, il calo più forte da tre anni a questa parte, per poi chiudere a -3,5%. Il vertice saudita è stato organizzato dal 23 al 25 ottobre. Questa iniziativa, organizzata insieme alla conglomerata giapponese Softbank, che oggi a Tokyo perde il 7%, punta a fare da megafono all'ambizioso piano di investimenti di Riad “Vision 2030“. Gli annunci di Dimon e Ford fanno seguito a quelli del ceo di Uber, Dara Khosrowshahi, di quello di Viacom, Bob Bakish e del co-fondatore di Aol, Steve Case. Anche alcuni big dei media, come Cnn, il New York Times e il Financial Times hanno fatto sapere che non seguiranno il meeting saudita. Il segretario al Tesoro Usa, Steve Mnuchin, sembra invece che abbia ancora in programma di partecipare.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.