Polizia disarmata e messa sotto indagine

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:52

Lintero corpo della polizia municipale di Acapulco, in Messico, è sotto indagine per il sospetto di infiltrazioni criminali da parte dei trafficanti di droga. Le autorità messicane hanno così deciso di disarmare tutti gli agenti: sono stati privati delle loro armi di ordinanza, delle radio-ricetrasmittenti e dei loro giubbotti antiproiettili. 

L'operazione

I marines messicani, insieme alla polizia statale e federale, sono stati dispiegati in una massiccia operazione aerea e di terra intorno al quartier generale della polizia, ha riferito il portavoce della sicurezza dello stato Guerrero, Roberto Alvarez. Due comandanti della polizia sono stati arrestati con l'accusa di omicidio, mentre il capo della polizia stradale per il trasporto di armi prive di licenza. Il segretario alla sicurezza municipale, Max Lorenzo Sedano, e il suo intero dipartimento sono sotto inchiesta

La sicurezza ad Acapulco

L'ordine in città (di 800 mila abitanti) e il pattugliamento delle strade verrà ora gestito dalla polizia dello stato di Guerraro e dall'esercito. Il governo dello stato di Guerrero ha affermato di aver deciso di intraprendere una misura così drastica “perché c'è il sospetto che la forza (di polizia, ndr) sia stata probabilmente infiltrata da gruppi criminali” e a causa della “completa inazione della polizia criminale nella lotta all'ondata criminale“.

I precedenti

Il Messico ha avviato numerose operazioni simili negli ultimi anni, quando si sospetta che una forza di polizia sia infiltrata dalla criminalità organizzata, ma è insolito in una città delle dimensioni di Acapulco, che conta circa 700.000 abitanti. Lo stato di Guerrero è stato teatro di guerre tra turchi tra i cartelli della droga rivali negli ultimi anni, rendendolo uno degli stati più violenti del Messico. Il Paese è stato colpito da un'ondata di violenze da quando il governo ha schierato l'esercito per combattere i potenti cartelli nel 2006. Da allora, il Messico ha registrato più di 200.000 omicidi e le macabre scoperte di fosse comuni sono diventate un evento “normale”.

 

 

 

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.