Pietraszewski è il nuovo “Monsieur Pensioni”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:24

E'il 53enne Laurent Pietraszewski il nuovo segretario di Stato alle Pensioni francese. Il 53enne di En Marche! sostituisce Jean-Paul Delevoye, travolto dallo scandalo che si è dimesso lunedì scorso. Delevoye è già stato alto commissario ed era diventato membro del governo quest'estate. A provocare l'uscita di scena del ministro francese che aveva in mano la concertazione con i sindacati, è stata una serie di rivelazioni su svariati incarichi non dichiarati, in odore di conflitto d'interessi.

Pietraszewski

Pietraszewski ha “una solida esperienza professionale nel campo delle relazioni sociali e delle risorse umane”, ha spiegato l'entourage del Capo dello Stato, descrivendo il nuovo membro del governo come “un macronista precoce, esperto di questioni sociali e del sistema pensionistico”. “È un parlamentare esperto – proseguono le fonti citate da Repubblica – e per ciò legittimato a ricoprire questo ruolo impegnativo dal punto di vista politico e tecnico”. Eletto come deputato Lrem dal Nord nel 2017 dopo una carriera nelle risorse umane, esperto di pensioni nell'Assemblea nazionale, è stato anche relatore per il diritto del lavoro nel 2017. Avrà il difficile compito di riprendere le trattative con i sindacati dopo 13 giorni di un braccio di ferro segnato da scioperi dei trasporti e manifestazioni. Secondo il sindacato Cgt, durante l'ultima manifestazione nazionale contro la riforma delle pensioni, sono scesi in piazza 1,8 milioni di manifestanti in tutto il Paese, mentre il ministero dell'Interno ha parlato di 615 mila, di cui 76 mila nella sola Parigi. Nella prima manifestazione nazionale del 5 dicembre scorso, la Cgt aveva parlato di 1,5 milioni di persone in piazza, mentre il ministero ne aveva contate 806mila.
   

 

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.