Perché i dieci soldati morti indeboliscono i negoziati di pace

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:57

Suona come una battuta d'arresto ai trattati di pace fra i ribelli jihadisti e i diplomatici statunitensi l'attacco kamikaze avvenuto nella base militare di Nad Ali e in cui hanno perso la vita almeno 10 militari e paramilitari governativi. Stando ai primi dettagli resi noti dalle forze locali, il kamikaze avrebbe attaccato il quartier generale con un furgone contenente circa 8 quintali di esplosivo. L'obiettivo non era casuale: la base militare in questione ospita diverse unità militari e paramilitari delle milizie Sangori. Qualche ora dopo l'attacco, è arrivata la rivendicazione di un gruppo terroristico talebano che ha sottolineato come il suo scopo fosse proprio quello di interrompere il processo di pace, iniziato qualche giorno fa a Doha, in Qatar.

#show_tweet#

Negoziati fragili

Sarà forse la frustrazione per una guerra considerata “interminabile” oppure la voglia di mantenere la promessa di riportare a casa i circa 12mila soldati statunitensi: sta di fatto che il presidente Usa, Donald Trump, dopo aver interrotto in passato i negoziati con i talebani, ha deciso di riarprirli il 7 dicembre scorso, anche se i funzionari di Washington stanno lavorando ai negoziati da diverso, e lo ha dichiarato lo stesso presidente-tycoon nella visita a sorpresa alla base militare Usa in Afghanistan il Giorno del Ringraziamento. Prima di scegliere Doha quale luogo dei colloqui di pace, a Kabul il delegato statunitense deputato ai negoziati, Zalmay Khalizad, aveva incontrato il presidente afghano Ashraf Ghani, bollato in precedenza dagli stessi talebani quale un “burattino nelle mani degli americani”. Sebbene i colloqui di pace siano percepiti come una fase “distensiva” nelle tensioni fra ribelli talebani e lealisti governativi, gli attacchi ripetuti nelle settimane scorse, in ultimo quello nella base militare, sono il segno che si tratta di colloqui pur sempre fragili.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.