Pechino: “Sfidarci su Taiwan è pericoloso”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:03

L'esercito cinese è pronto a intraprendere “azioni necessarie a ogni costo” se qualcuno tenterà di separara Taiwan dalla Cina. Questo l'avvertimento lanciato dal ministro della Difesa cinese, Wei Fenghe, che oggi ha aperto l'ottava edizione dello Xiangshan Forum, il forum di Difesa e Sicurezza che si tiene ogni anno nella capitale cinese.

Il monito

La questione di Taiwan, ha detto Wei, citato su Twitter dal tabloid Global Times, “riguarda gli interessi chiave della Cina. Sfidare ripetutamente le conclusioni della Cina sulla questione di Taiwan è estremamente pericoloso”, ha aggiunto il ministro della Difesa. Wei ha poi fatto riferimento diretto alle accuse arrivate da Washington nelle scorse settimane di interferenze cinesi nella politica interna statunitense. “Sollecitiamo gli Stati Uniti a correggere le loro affermazioni sbagliate e che calpestano l'interesse della Cina e le relazioni bilaterali”, ha esortato.

L'evento

Lo Xiangshan forum è il forum sulla sicurezza regionale nell'Asia-Pacifico che si tiene in Cina ogni anno, organizzato dall'Esercito di Liberazione Popolare cinese: nato nel 2006, ambisce a rivaleggiare con gli Shangri-La Dialogues, evento che prende il nome dall'hotel in cui si tiene annualmente a Singapore.
All'edizione di quest'anno sono presenti, secondo cifre riportate dai media cinesi, circa cinquecento rappresentanti provenienti da 67 Paesi: tra questi, c'è anche il vice ministro delle Forze Armate nord-coreano, Kim Hong-ryong, mentre gli Stati Uniti sono rappresentati da un comandate dell'Universita' della Difesa Nazionale, Lewis Irwin. Le divergenze tra Cina e Stati Uniti sul piano della sicurezza regionale sono riemerse settimana scorsa, in occasione del summit della Difesa dei Paesi Asean di Singapore, a margine del quale Wei ha avuto un colloquio di novanta minuti con il segretario alla Difesa Usa, James Mattis, dal quale non sono pero' emerse intese sui punti di attrito comuni, a cominciare dalla presenza militare di Pechino nel Mare Cinese Meridionale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.