Oltre 200 vip per salvare il pianeta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:00

Oltre 200 personalità hanno già sottoscritto l'appello a salvare il pianeta, “La più grande sfida dell'umanità“, lanciato in Francia nelle scorse ore e rivolto ai dirigenti politici di tutto il mondo.

L'iniziativa

L'iniziativa, presentata a pochi giorni dalle dimissioni del ministro per la transizione ecologica, il noto ambientalista Nicolas Hulot, è promossa dall'attrice Juliette Binoche e dell'astrofisico Aurelien Barrau per chiedere un'azione politica “seria, decisa e immediata” di fronte ai cambiamenti climatici. L'appello è già stato firmato da numerosi attori di fama mondiale, come Alain Delon, Isabelle Adjani e Kristin Scott Thomas, dai registi Pedro Almodovar e David Cronenberg, da cantanti, tra cui Patty Smith, Charles Aznavour e Jane Birkin, accanto ad intellettuali, artisti, scienziati e ricercatori dei piu' prestigiosi istituti francesi e mondiali.

Il testo

“Viviamo un cataclisma planetario. Riscaldamento climatico, diminuzione drastica degli spazi di vita, crollo della biodiversità, inquinamento profondo dei suoli, dell'acqua e dell'aria, disboscamento rapido: tutti gli indicatori sono allarmanti. A questo ritmo, tra qualche decennio non rimarrà nulla. Gli umani e la maggior parte degli esseri viventi si trovano in una situazione critica” recita il testo pubblicato in apertura dei principali quotidiani francesi. “E' troppo tardi per impedire il crollo già in atto. La sesta estinzione di massa procede a una velocità senza precedenti. Ma non è troppo tardi per evitare il peggio. E' una questione di sopravvivenza” prosegue il manifesto, avvertendo che “non verrà preso sul serio, non sarà più considerato credibile un governo che non farà della lotta a questo cataclisma la sua priorità politica, lontano dalle lobbies, con azioni concrete, seppur potenzialmente impopolari“. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.