Nuovo scontro Usa-Cina

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:49

Inaccettabili“. Così la Cina ha definito le ultime accuse degli Stati Uniti sulle sue pratiche commerciali. “Sono prive di fondamento” ha commentato il portavoce del ministero del Commercio, Gao Feng, durante la conferenza stampa settimanale, auspicando che gli Usa cambino gli atteggiamenti che “danneggiano le relazioni economiche e commerciali bilaterali” e adottino “un atteggiamento costruttivo“.

Le accuse

Martedì scorso, lo Us Trade Representative, Robert Lighthizer, era tornato a puntare il dito contro Pechino, che “non ha fondamentalmente alterato le sue azioni, politiche o pratiche relative al trasferimento di tecnologia, alla proprietà intellettuale e all'innovazione, e inoltre appare avere intrapreso ulteriori azioni irragionevoli negli ultimi mesi”, secondo l'ultimo aggiornamento riguardo alle indagini Usa sulle possibili violazioni del copyright nel trasferimento forzato di tecnologia da parte della Cina. 

Ferri corti

In precedenza, il dipartimento del Commercio Usa aveva anche annunciato di prendere in considerazione 14 categorie di prodotti di alta tecnologia, tra cui alcuni compresi nei settori dell'intelligenza artificiale e dei microprocessori, per ulteriori restrizioni alle esportazioni sulla base di preoccupazioni di sicurezza nazionale. La Cina, ha detto Gao, “presterà grande attenzione” alle mosse che gli Stati Uniti intraprenderanno, per “salvaguardare i propri interessi e diritti legittimi“. I temi del commercio e l'escalation tariffaria in corso tra Cina e Stati Uniti sono tra i temi principali nell'agenda del prossimo incontro tra il presidente Usa, Donald Trump, e quello cinese, Xi Jinping, previsto a margine del vertice del G20 di Buenos Aires, in programma per la fine del mese.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.