Nuovi dazi all'Ue: Trump ci pensa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:34

L'amministrazione Usa sarebbe pronta a imporre nuovi dazi su alcuni prodotti dell'Unione Europea in risposta alle continue sovvenzioni europee ad Airbus che, secondo una dichiarazione dell’ufficio del rappresentante Usa al commercio, hanno causato “ripetutamente un impatto negativo nei confronti degli Usa”.

La querelle

La saga lunga 15 anni tra Stati Uniti e Unione Europea sulle reciproche rivendicazioni di aiuti illegali ai loro principali costruttori di aeromobili, Boeing e Airbus, si è conclusa il mese scorso presso l'Omc, quando l'Organizzazione mondiale del commercio ha stabilito che gli Stati Uniti non sono riusciti a fermare alcune sovvenzioni per Boeing. In precedenza l'Omc aveva dichiarato illegittime le sovvenzioni europee per Airbus e nel maggio 2018 aveva rilevato che l'Ue non aveva ritirato il proprio sostegno alla società olandese.

Le questioni finali sul valore del danno sono ancora in arbitrato, ma il rappresentante Usa al commercio stima che il danno derivante dalle sovvenzioni dell'Ue sia di 11 miliardi di dollari all'anno. “L'amministrazione si sta preparando a rispondere immediatamente quando l'Omc rilascerà le sue conclusioni sul valore delle contromisure statunitensi”, ha dichiarato Robert Lighthizer.

L'impatto

La mossa indica che gli Stati Uniti potrebbero prepararsi a una rappresaglia piuttosto che a una soluzione diplomatica. Le nuove tariffe potrebbero colpire esattamente 11 miliardi di dollari di beni europei importati negli Usa. L'elenco degli articoli spazia dagli elicotteri, ai tessuti, vini e prodotti alimentari, compresi il formaggio roquefort e l'olio d'oliva. Dazi che si aggiungeranno a quelli già imposti sull’acciaio e sull’alluminio.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.