Moon: “Finita la Guerra Fredda”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:43

L'incontro fra Donald Trump e Kim Jong-un andato in scena questa mattina a Singapore è “un evento storico” che ha messo fine all'ultimo conflitto della Guerra Fredda. Lo ha detto il leader sudcoreano Moon-Jae-in. 

Nella storia

“L'Accordo di Sentosa sarà registrato come un evento storico che avrà contribuito a rompere l'ultima eredità rimanente della Guerra Fredda sulla Terra”, ha dichiarato Moon. “Scriveremo un nuovo capitolo di pace e cooperazione“, ha aggiunto, e “saremo al fianco della Corea del Nord in questo cammino”. Questo, ha ribadito, è “solo l'inizio e potrebbero esserci difficoltà davanti a noi, ma non torneremo mai più al passato e non rinunceremo mai a questo coraggioso viaggio“. 

L'Ue

Per l'Alto rappresentante della politica estera dell'Unione europea, Federica Mogherini, il summit è stato “un passo cruciale e necessario” nell'ottica di una completa denuclearizzazione della penisola coreana. Per il capo della diplomazia europea, il vertice farà “accrescere gli sviluppi positivi raggiunti finora nelle relazioni inter-coreane e nella penisola“.

Cina

La Cina, da parte sua, ha manifestato “grande apprezzamento per le decisioni politiche” prese da Trump e Kim. La Cina, spiega una nota del ministero degli Esteri di Pechino, “accoglie con piacere e sostiene” i risultati ottenuti nel corso del summit. Il ministro Wang Yi ha espresso l'auspicio che i due leader “possano dissolvere le interferenze, stabilire fiducia reciproca, superare le difficolta' e raggiungere un consenso di base sulla promozione e sul raggiungimento della denuclearizzazione e promuovere e stabilire un meccanismo di pace per la penisola”. La Cina, ha aggiunto, “continuerà ad avere un ruolo costruttivo“.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.