Mogherini vede Serraj e Salamè

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:54

Giro di incontri sulla Libia per Federica Mogherini, che vedrà sia il premier Fayez al Serraj, che l'inviato speciale dell'Onu nel Paese nordafricano, Ghassan Salamè.

Obiettivi

“La Libia è uno dei temi principali in agenda del Consiglio esteri – ha precisato l'Alto rappresentante per la politica estera dell'Unione europea -, poi sentiremo dal rappresentante speciale Onu Ghassan Salamè gli ultimi sviluppi nel Paese” africano. L'obiettivo, ha sottolineato Mogherini, è riconvocare le parti in Libia per arrivare ad un “processo politico e ad un cessate il fuoco“. L'Alto rappresentante ha poi aggiunto che in agenda si discuterà della “partnership orientale” e della situazione nella regione del Sahel.

Sicurezza regionale

Domani – ha aggiunto – “i ministri degli Esteri degli Stati membri dell'Ue e dei Paesi del G5 Sahel si incontreranno per discutere sia dello sviluppo che della situazione della sicurezza nella regione – ha aggiunto Mogherini -. L'intera regione non è scollegata dalla situazione in Libia e per l'Unione europea è una priorità assoluta stabilizzare il più possibile l'intera regione, sostenendo i nostri partner nel Sahel e, in generale, attraverso una buona cooperazione con l'Unione africana”.

Partenariato

L'Alto rappresentante Ue ha precisato che “dopo l'incontro con Sarraj inizieremo le celebrazioni per i 10 anni del Partenariato orientale e stasera il presidente” del Consiglio europeo, Donald Tusk “avrà una cena con i leader e domani il presidente” della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, “insieme a me, terrà una conferenza ad alto livello per celebrare questi dieci anni di partenariato che sono riusciti a far progredire la vita dei comuni cittadini in ciascuno dei sei Paesi partner”. Secondo Mogherini “malgrado le difficoltà e i problemi che ancora affrontiamo nella regione, il nostro partenariato è riuscito a portare avanti un lavoro comune in materia di commercio, sviluppo economico, diritti umani, ruolo della società civile, liberalizzazione dei visti e in molti altri campi”. 

Iran

Al suo arrivo al Consiglio esteri, Mogherini ha anche affrontato l'argomento Iran, dopo che Teheran ha dettato le condizioni per non riprendere l'arricchimento dell'uranio. “L'Unione europea continua a sostenere l'accordo nucleare con l'Iran e la sua piena attuazione” ha detto. “Per noi rimane un pilastro fondamentale per la sicurezza nella nostra regione – ha precisato -. Il dialogo è la soluzione migliore per affrontare le divergenze e per evitare ogni tipo di escalation nella regione che è già abbastanza tesa”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.