Mogherini: Europa in prima linea contro la tortura

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:00

Sessantasei anni fa veniva siglata la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani delle Nazioni unite. Un documento che ha portato all’attenzione della comunità internazionale il tema di quella dignità che deve essere riconosciuta a ogni individuo. Sulla ricorrenza è intervenuto l’Alto rappresentante per la politica estera dell’Unione europea, Federica Mogherini. L’ex ministro degli Esteri italiano ha spiegato che, dal punto di vista della tutela dei diritti umani, “c’è ancora tanto da fare”.

“L’Ue è impegnata nel sostenere questi diritti” ha detto lady Pesc in un comunicato “con la nomina di un Rappresentante speciale per i diritti umani” nella persona di Stavros Lambrinidis e con “la stretta collaborazione e il sostengo alle organizzazioni della società civile in tutto il mondo”. A un giorno dalla pubblicazione del rapporto sui metodi d’interrogatorio usati dalla Cia la Mogherini ha sottolineato che la “tortura” è uno dei primi problemi di cui occuparsi. Visto che, nonostante siano passati 30 anni dalla pubblicazione della Convenzione contro le pene corporali, esse continuano a essere ampiamente praticate nel mondo e “ciò richiede la nostra urgente attenzione”.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.