Merkel punta a nuove elezioni

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:00

La Germania si avvia verso nuove elezioni, vista l'impossibilità di raggiungere un accordo per un governo di larghe intese. Angela Merkel sembra preferire questa strada a quella di un esecutivo di minoranza, anche se, per il momento, non ha intenzione di rimettere il mandato, perché “al Paese serve stabilità“. Sarà dunque il presidente della Repubblica Federale a decidere sullo scioglimento delle Camere. 

Schulz dice no

La cancelliera in queste ore è alle prese con una particolare forma di nemesi, che le dà certamente da riflettere: tutti, adesso, hanno il terrore di governare con lei. Per questo motivo è saltato il tavolo “giamaica“, che ha visto tirarsi indietro i teoricamente affini liberali di Christian Lindner (il partito traumatizzato, che governando con la Bundeskanzlerin finì fuori dal Parlamento nel 2013). E sempre per lo stesso motivo l'Spd ha negato ancora una volta l'ipotesi di una Grosse Koalition: “Non siamo a disposizione”, ha ribadito Martin Schulz, che ha perso la faccia con il crollo alle urne del 24 settembre. Loro con la cancelliera non hanno solo governato, hanno messo paletti, vinto battaglie, eppure non vi è stata traccia di riconoscenza dagli elettori.

Palla al presidente

Merkel si è affidata al presidente della Repubblica, incontrato a Bellevue, per riferire l'andamento dei colloqui esplorativi clamorosamente naufragati a pochi minuti dalla mezzanotte, quando il capo dei liberali ha portato via il suo partito, affermando che mancava la “fiducia” reciproca. E Frank-Walter Steinmeier ha rivolto un monito severo a tutti: “Chi si candida per assumere la responsabilità politica, non può tirarsi indietro quando ce l'ha nelle mani. Non si può semplicemente rimandare indietro la responsabilità ai cittadini“. In Europa si guarderebbe “con grande preoccupazione al Paese più forte economicamente se le forze politiche non fossero in grado di prendersi le loro responsabilità”.

Possibili consultazioni

Ce l'aveva con tutti, e ha annunciato colloqui coi leader della “giamaica”, ma anche con gli altri, che hanno possibili convergenze di programma (la sua Spd). Che la moral suasion dell'ex capo della diplomazia possa far tornare indietro Schulz – accomodatosi all'opposizione dalla sera delle elezioni – è tutto da vedere. Dietro l'ex candidato c'è ancora tutta la vecchia guardia, che non ha apprezzato la corsa verso la panchina. Un governo di minoranza sembra, invece, non volerlo nessuno: la stessa Merkel, alla Zdf, ha affermato di preferire il voto a questa opzione. Intanto oggi la cancelliera è apparsa più debole, e sola, che mai. Spd e Linke non hanno usato giri di parole: “Ha fallito“. E i populisti di destra di Afd le hanno indicato la porta: “E' tempo che vada“.

Alleati deboli

Nell'Unione ha il sostegno di Horst Seehofer, che ne appoggerebbe la ricandidatura. Ma il presidente della Csu bavarese potrebbe avere i giorni contati politicamente. Lindner, che si è giocato la credibilità fra i partiti con un colpo di spugna, ha provato a spiegare: “Non è stata una decisione presa alla leggera. Non abbiamo tradito i nostri elettori e le nostre idee. Non c'era un progetto comune”. A quanto trapela quello che sarebbe mancato è qualcosa in cui i liberali potessero rispecchiarsi: la Fdp non si sarebbe riconosciuta in una trattativa zeppa di dettagli, in cui Merkel era troppo concentrata ad assecondare Verdi e Csu.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.