Mercoledì risoluzione dei palestinesi all’Onu sulla fine dell’occupazione

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:22

Mercoledì 17 dicembre i palestinesi presenteranno la bozza di risoluzione dell’Onu in cui si richiede la fine dell’occupazione israeliana e il ritiro da tutti i territori occupati dal 1967. A riferirlo è il dirigente palestinese Wassel Abu Yussef che ha annunciato al termine di una riunione a Ramallah “la leadership palestinese ha preso la decisione di rivolgersi al Consiglio di sicurezza dell’Onu per chiedergli di votare sul progetto per mettere fine all’occupazione”. La questione, di cui oggi parleranno a Roma il segretario di Stato Usa, John Kerry, e il premier israeliano, Benjamin Netanyahu, prevede  un tempo di due anni per la liberazione del territorio.

Israele ha già escluso la possibilità di un ritiro entro la fine del 2016 da Cisgiordania e Gerusalemme est: questo porterebbe “gli estremisti islamici alla periferia di Tel Aviov e nel cuore di Gerusalemme”, ha avvertito Netanyahu, atteso da elezioni anticipate in patria a febbraio. L’alto rappresentante per la politica estera dell’Ue, Federica Mogherini, ha parlato al telefono con il segretario di Stato Usa, John Kerry, e con il presidente dell’Anp, Abu Mazen, per discutere del processo di pace in Medio Oriente. Lo ha riferito lei stessa in un tweet.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.