MEDIO ORIENTE, LIEBERMAN: “VOGLIO UN CANALE DIRETTO CON I PALESTINESI”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 2:00

Un canale per parlare direttamente con i palestinesi. E’ quello che vuole il ministro della difesa israeliano Avigdor Liberman che si è detto disposto a scavalcare sia Abu Mazen che la dirigenza politica di Ramallah. Con un annuncio fatto ai giornalisti ha così presentato quella che ha definito una nuova politica del “bastone e della carota” nei confronti dei palestinesi dopo la recente ondata di attacchi contro israeliani.

“Voglio – ha spiegato – contattarli direttamente e non attraverso la Muqata (il palazzo presidenziale, ndr). Parlare alla società palestinese direttamente e tagliare via gli intermediari. Se ci sono intellettuali, accademici, importanti rappresentanti comunali perché dovrei mai parlare a loro attraverso Abu Mazen?”.

Lieberman ha poi detto che il ministero ha approntato una lista di accademici, uomini d’affari e intellettuali con i quali lui intende “parlare personalmente”. E per gennaio prossimo è in preparazione un sito internet in arabo diretto ai palestinesi di Cisgiordania e Gaza. Di questo tipo di politica fanno parte anche provvedimenti per migliorare il servizio in alcuni check point da cui passano ogni giorno i palestinesi.

Accanto alla ‘carota’ il ‘bastone’: Lieberman ha confermato azioni come demolizioni di case, operazioni dell’esercito nell’Area A della Cisgiordania, confisca dei fondi usati per il terrorismo, arresti e cancellazione di permessi di lavoro alle famiglie dei terroristi. Infine, ‘bollino rosso’ per 15 villaggi palestinesi da cui nell’ultimo anno sono giunti, secondo il ministero della difesa, molti terroristi.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.