L'Ue prepara la risposta

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:47

L'Unione europea è pronta a rispondere ai dazi Usa sull'import di acciaio e alluminio. La Commissione ha adottato la regolamentazione necessaria per rispondere a quella che viene vista come una propria guerra commerciale. 

Rappresaglia

Le contromisure dell'Ue prevedono tariffe del 25% su una lista di prodotti americani dal valore di 2,8 miliardi di euro, che entreranno in vigore venerdì 22 giugno. “La decisione unilaterale e ingiustificata degli Usa di imporre tariffe su acciaio e alluminio contro l'Ue non ci ha lasciato altra scelta“, ha detto la commissaria del Commercio, Cecilia Malmstrom, sottolineando che le contromisure sono “proporzionate e pienamente in linea con le regole del Wto (Organizzazione Mondiale dei Commercio)”. Malmstrom ha spiegato che “se gli Usa rimuoveranno i loro dazi, anche le nostre misure saranno rimosse“.

Prodotti colpiti

L'elenco dei prodotti colpiti dalle contromisure dell'Unione Europea include alcuni simboli delle esportazioni americane, come i jeans Levi's, le motociclette Harley Davidson o il burro d'arachidi. Nella lista notificata al Wto, la Commissione ha annunciato l'intenzione di colpire con un dazio del 25% vari tipi di succo d'arancia e di mirtillo, di riso parboil e di mais confezionato. Nell'elenco compaiono anche il Bourbon, il Whisky, i sigari, le sigarette e altri prodotti del tabacco. Nel settore dell'abbigliamento, oltre ai jeans, vengono colpite le magliette di cotone. I dazi Ue si applicheranno alle motociclette sopra i 500 cm3 di cilindrata, imbarcazioni e yacht, motori per barche, canoe e carte da gioco (l'unico prodotto con un dazio aggiuntivo limitato al 10%). Nella lista, infine, compaiono diversi prodotti legati all'alluminio e all'acciaio. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.