L'Ue indaga su Ikea

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:33

Indagine della Commissione europea sul trattamento fiscale che i Paesi Bassi hanno riservato a Inter Ikea, uno dei due gruppi che operano il business del colosso svedese di arredamento e casalinghi. Secondo l'antitrust Ue, grazie a due “tax ruling” (o accordi fiscali ad hoc) concessi dall'Olanda nel 2006 e nel 2011, Ikea avrebbe pagato meno tasse del dovuto ed avrebbe avuto così un vantaggio illegale su altre aziende. 

Fisco eluso?

Tutte le aziende, grandi o piccole, multinazionali o no, devono pagare la giusta quantità di tasse. Gli Stati membri non possono consentire ad imprese selezionate di pagarne meno permettendo loro di spostare i profitti artificialmente altrove”, ha detto la commissaria alla concorrenza Margrethe Vestager, promettendo un'indagine “attenta” sul trattamento che l'Olanda ha riservato ad Inter Ikea.

Profitti spostati

Il sistema sotto osservazione è sempre quello dello spostamento di profitti, come in altri casi già indagati dalla Commissione. Inter Ikea non possiede i negozi Ikea. Questi pagano una quota di “franchise” del 3% del loro fatturato ad Inter Ikea Systems, sussidiaria del gruppo Inter Ikea in Olanda. In cambio, i negozi della catena possono utilizzare il marchio e ricevere know-how per operare e sfruttare il concetto aziendale. Quindi Inter Ikea Systems in Olanda registra tutti i ricavi delle quote di “franchise” dei negozi Ikea di tutto il mondo. E grazie al trattamento fiscale vantaggioso, avrebbe evitato di pagare tutte le imposte. La Commissione teme che i tax ruling del 2006 e del 2011 abbiano “significativamente ridotto i profitti tassabili di Inter Ikea Systems”.

Inter Ikea

Inter Ikea detiene i diritti di proprietà intellettuali del gruppo svedese e fa capo ad una fondazione in Liechtenstein, la Interogo Foundation, una fondazione creata nel 1989 da Ingvar Kamprad, l'imprenditore svedese che ha fondato l'impero Ikea. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.