Lotta al terrorismo, Assad: “Gli Stati Uniti devono cooperare con noi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:37

Bashar al Assad ha accolto con favore l’impegno del presidente americano Donald Trump a “combattere il terrorismo“, ma ha chiarito che in Siria ciò potrà avvenire solo attraverso una collaborazione con il governo. Il presidente siriano, che parlava in una intervista a Yahoo News, si è anche detto contrario ad un’idea ventilate da Trump per creare in Siria “safe zone” (zone di sicurezza) per la popolazione civile. “Le safe zone per i siriani potranno realizzarsi solo con la stabilità e la sicurezza – ha affermato il raìss – ed è molto più pratico e meno costoso avere stabilità piuttosto che creare zone di sicurezza”. Nella stessa intervista Assad non ha condannato la sospensione delle entrate negli Usa dei cittadini siriani, affermando che tra i milioni di siriani che cercano rifugio all’estero ci sono di certo anche dei terroristi.

Il bando posto da Trump, ha sottolineato Assad, è una decisione presa nell’ambito della “sovranità americana“. Quanto alle affermazioni del capo della Casa Bianca di voler combattere il terrorismo, il presidente siriano ha detto: “Concordiamo con questa priorità, questa è la nostra posizione in Siria“. Ma “non si può sconfiggere il terrorismo senza una cooperazione con il popolo e il governo”. Anche l’invio di truppe americane, ha aggiunto, non sarebbe sufficiente, perché prima di tutto va rispettata la sovranità siriana. Assad, che in passato ha definito “terroristi” tutti i gruppi armati dell’opposizione, non ha fatto alcun cenno all’impegno degli Usa alla guida della Coalizione internazionale contro l’Isis, che appoggia le forze contrarie al sedicente Stato islamico in Iraq e in Siria, con l’esclusione di quelle governative di Damasco.

La Russia ha, intanto, registrato dieci violazioni del cessate il fuoco in Siria nelle ultime 24 ore, di cui otto nella provincia di Latakia e due in quella di Hama. La Turchia invece ha denunciato otto violazioni della tregua: tre nella provincia di Aleppo, tre nella provincia di Damasco, e due in quella di Idlib.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.