Londra cerca immigrati di lusso

ULTIMO AGGIORNAMENTO 12:41

Londra lavora sulla politica migratoria per il post Brexit. Con l'uscita dall'Ue tutti gli ingressi nel Regno Unito saranno basati sulle competenze e non sulle origini, senza alcuna preferenza nei confronti dei cittadini europei. Anzi, probabilmente anche loro dovranno dimostrare un reddito annuo di 30 mila sterline, richiesto per i migranti qualificati extra Ue, per ottenere il permesso di soggiorno valido per cinque anni.

Il piano

Le nuove misure, anticipate dal Guardian, saranno contenute nel piano che dovrebbe essere presentato a breve dal ministro dell'Interno, Sajid Javid. “Sarà un sistema di immigrazione unico, basato sulle competenze, costruito attorno al talento e all'esperienza che le persone possono portare, piuttosto che da dove provengono, massimizzando i benefici dell'immigrazione e dimostrando che il Regno Unito è aperto alle imprese”, ha spiegato Javid. 

Preoccupazioni

Anche se non viene espressamente dichiarato ma l'obiettivo – ribadito anche dal ministro della Casa, James Brokenshire – è ridurre la migrazione netta ai numeri precedenti al 1998, ossia quota 100 mila.
I dettagli sono ancora da definire, in particolare per quanto riguarda la soglia minima di reddito che sembra preoccupare il Cancelliere dello scacchiere, Philip Hammond, e il ministro del Commercio, Greg Clark, secondo i quali un'improvvisa riduzione della disponibilità di migranti dell'Ue in settori chiave potrebbe minacciare l'economia. Secondo fonti del Governo, la maggioranza dei ministri preferirebbe una soglia inferiore, di 21 mila sterline, ma la premier, Theresa May, è ferma sull'idea di favorire una stretta sulle migrazioni. 

Obiettivi

La speranza di Downing Street è che il rifiuto di un trattamento preferenziale ai migranti dell'Ue contribuirà a sbloccare futuri accordi commerciali con Paesi esterni, come l'India, che probabilmente vorranno ottenere un regime più libero per i loro cittadini. “Stiamo fornendo istruzioni chiare per avere il controllo sui nostri confini e introdurre un nuovo sistema che funzioni nell'interesse del popolo britannico”, ha assicurato Javid.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.