L’Isis fa esplodere un convento cristiano a Mosul

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:00

I miliziani dello Stato islamico hanno distrutto un convento cristiano a Mosul. I jihadisti aveavno usato a lungo la struttura come base logistica per auto e truppe. Ieri la decisione di farlo saltare in aria; prima di agire i miliziani hanno avvisato gli abitanti della zona. Salvo, per ora, il monastero di San Giorgio. La struttura era stata costruita nel 1984 dal governo irakeno e accoglieva anziani e disabili.

Le milizie dello Stato islamico hanno fatto esplodere parte del convento della Vittoria, appartenente all’ordine delle suore caldee del Sacro Cuore, che sorge nel sobborgo di Alaraby a Mosul, nel nord dell’Iraq. La struttura si trova di fronte al monastero di San Giorgio e, nello scoppio avvenuto ieri, ha subito gravi danni. A riferire del nuovo attacco contro simboli della comunità cristiana nella seconda città per importanza del Paese è il sito ankawa.com, che ha diffuso pure un breve video che cattura il momento della deflagrazione e l’imponente colonna di fumo nero e denso formatasi.

I jihadisti dell’esercitp del Califfato hanno usato a lungo il monastero come base logistica e dare alloggio e ospitalità a miliziani e loro affiliati. La distruzione è avvenuta in due diverse fasi; pare che dietro l’attacco vi sia la volontà degli estremisti di distruggere la chiesa e la croce che svettava sul luogo di culto.

Dalle prime testimonianze emerge che la deflagrazione ha causato solo danni materiali, senza provocare vittime o feriti. I miliziani avrebbero avvertito i cittadini dell’imminente esplosione, avvertendoli di tenere aperte le finestre per evitare danni alle abitazioni in seguito allo spostamento d’aria.

Il monastero è stato costruito dal governo irakeno nel 1984 e le suore si sono prodigate per anni nella cura delle persone più anziane e di quanti necessitavano cure speciali. Non hanno trovato conferma, invece, le voci filtrate in un primo momento e che parlavano di danni anche al monastero di San Giorgio.

Mosul, secondo centro per importanza dell’Iraq, è stata la prima città del Paese a cadere nelle mani delle milizie dello Stato islamico. L’arcivescovo caldeo mons. Emil Shimoun Nona era stato fra i primi a lanciare l’allarme sul pericolo posto dall’avanzata degli islamisti, in seguito alla quale circa 500mila persone – cristiani e musulmani – sono fuggite a inizio giugno per non doversi convertire all’islam estremista e dove è stato fondato un Califfato e imposto la sharia.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.