L’Iran testa con successo razzo vettore per satelliti. Gli Usa: “Gesto provocatorio”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:15

L’Iran ha annunciato di aver concluso positivamente un test di lancio di un missile in grado di mettere in orbita satelliti artificiali. Secondo quanto riferito dalla televisione iraniane, si tratterebbe di un vettore Simorgh in grado di portare ad una quota di 500 chilometri un peso massimo di 250 chilogrammi.

L’ira degli Usa

Nonostante il lancio del vettore Simorgh non rappresenti una minaccia diretta per gli Stati Uniti, la notizia ha scatenato l’ira di Washington. Infatti, per il Dipartimento di Stato  il lancio viola le sanzioni Usa. “Lo consideriamo come una continuazione del programma di sviluppo di missili balistici e quindi una provocazione“, ha riferito la portavoce del Dipartimento, Heather Nauert.

Le sanzioni Usa e la risposta di Rohani

Lo scorso 26 luglio, la Camera statunitense ha approvato nuove sanzioni contro l’Iran. Fatto che a Teheran non hanno proprio gradito. Infatti, il presidente iraniano, Hassan Rohani, ha annunciato che “l’Iran darà sicuramente una risposta adeguata e proporzionata“, sottolineando che presto saranno adottate misure di reciprocità. “Faremo qualsiasi passo che riteniamo necessario per gli interessi del nostro Paese – ha aggiunto il capo di stato iraniano – e continueremo il nostro cammino senza prestare attenzione alle loro sanzioni economiche e politiche, perché la gente iraniana è abituata alle ostilità statunitensi e sa bene come contrastarle”. Rohani ha infine sottolineato che “negli ultimi 40 anni gli iraniani sono stati sottoposti a sanzioni, pressioni e false accuse da parte dei politici americani e degli apparati di propaganda” perché “Washington non può accettare l’Iran come modello di indipendenza nella regione“.

 

 

Foto tratta dal sito www.ansa.it

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.