LIBIA: TRIPOLI BOCCIA IL PIANO LEON. PACE PIU’ LONTANA

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:38

No del Congresso nazionale libico al programma di transizione politica presentato dall’inviato dell’Onu, Bernardino Leon, per porre fine alla crisi. Ieri sera, nel corso di una conferenza stampa convocata Tripoli, i rappresentanti del Congresso hanno riferito che la loro “delegazione a Rabat ha deciso di respingere la proposta di Leon perché non rispetta” il punto di vista del loro governo. I delegati hanno asserito di “essersi seduti al tavolo del dialogo con la volontà di arrivare a un accordo nonostante fossero in corso i raid aerei su Tripoli”.

Il partito libico di Giustizia e Costruzione, legato ai Fratelli musulmani, ha poi chiesto a Leon di ritirare il suo piano per la pace. Secondo il partito islamico “il programma ignora i contenuti di tutte le nostre iniziative per il dialogo e ripropone quelli che erano i motivi principali per cui è scoppiato il conflitto nel paese facendoci ritornare al punto di partenza”. Per i Fratelli musulmani non si può ignorare la sentenza della Corte costituzionale che invalida il parlamento di Tobruk, riconosciuto invece dal piano di Leon.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.