Liberato il campo petrolifero di Al Omar: era sotto il controllo dell’Isis

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:11

Le forze democratiche siriane a guida curda, alleate degli Usa, hanno preso il controllo del principale campo petrolifero siriano che era in mano all’Isis. Con “una rapida e vasta operazione militare e con il supporto aereo americano”, il campo petrolifero di Al-Omar è stato liberato, hanno annunciato le Syrian democratic forces, reduci dalla vittoria di Raqqa.

La battaglia per il petrolio

I guerriglieri curdi hanno anticipato le forze governative e preso possesso dei pozzi sulla riva sinistra dell’Eufrate. Invece, l’esercito di Bashar Al-Assad è impegnato nella lotta contro i miliziani del sedicente Stato Islamico sulla riva destra. In base a quanto riferito dall’Osservatorio Siriano per i diritti umani, i jihadisti hanno lanciato ieri una controffensiva contro l’esercito sirianoa Zeiban e Jasham, così come a Al Mayadin, obbligando alla ritirata delle truppe governative. Approfittando della situazione, le Fsd hanno lanciato un attacco e occupato il campo di greggio.

Il giacimento di Al-Omar

Il campo petrolifero di Al-Omar ha una potenzialità di 100 mila barili di greggio al giorno ed era l’ultimo importante ancora in mano allo Stato Islamico. La riconquista dei pozzi è stata possibile anche grazie ai raid aerei e alle forze speciali americane. L’aviazione russa, invece, è ancora impegnata a sostenere i governativi nell’assedio dei quartieri ancora in mano all’Isis a Deir ez-Zouz, Mayadin e nelll’avanzata verso Al Bukamal.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.