L'Europarlamento: “Stop armi ai sauditi”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 15:28

L'Europarlamento ha approvato una risoluzione con cui condanna gli attacchi contro i civili in Yemen, chiede agli Stati membri di non vendere armi alle parti in conflitto e pone un embargo sugli armamenti nei confronti dell'Arabia Saudita. 

Il documento

Il testo, approvato per alzata di mano, sottolinea che il Paese arabo è stato devastato dalla guerra civile, la qualeha causato il collasso dell'economia e la più grande crisi umanitaria della sua storia, con 22 milioni di persone bisognose di aiuti, 8 milioni a rischio carestia e decine di migliaia di morti tra cui 2.500 bambini.
Secondo Strasburgo sia il governo riconosciuto dalla comunità internazionale e sostenuto dalla coalizione guidata dai sauditi, sia i ribelli Houthi appoggiati dall'Iran sono responsabili del bombardamento contro la popolazione. I deputati hanno condannato la violenza e gli attacchi contro i civili e chiesto la cessazione immediata di tutte le ostilità, un'inchiesta indipendente sulle presunte violazioni dei diritti umani. 

Il caso Uiguri

Nella stessa sessione il Parlamento europeo ha condannato la detenzione di massa di membri della comunità musulmana degli Uiguri e di altri membri di minoranze nello Xinjiang da parte delle autorit cinesi, chiedendo la fine “immediata” di queste pratiche e la liberazione incondizionata delle persone detenute in modo arbitrario. Secondo diversi rapporti, Pechino avrebbe costruito una vasta rete di campi di detenzione e rieducazione nello Xinjiang, dove sarebberorecluse oltre un milione di persone, e messo in pratica un vasto sistema di sorveglianza con strumenti elettronici, in particolare contro le minoranze musulmane della provincia occidentale della Cina. L'Europarlamento ha chiesto al governo cinese di chiudere tutti i campi e centri di detenzione e ha espresso la sua profonda preoccupazione per i rapporti sulle persecuzioni interne e le intimidazioni nei confronti della diaspora Uigura all'estero. I deputati hanno poi invitato tutti gli Stati membri dell'Ue a sospendere il rimpatrio in Cina di migranti Uiguri, Kazaki o di altre minoranze musulmane a causa del rischio di detenzione arbitraria, tortura e maltrattamenti.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.