Le milizie mietono soldati egiziani. Nella penisola del Sinai altri undici morti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 17:58

Il nord del Sinai, penisola dell’Egitto nord-orientale, sta nel mirino dei militanti islamici da ormai più di un anno. In seguito al golpe militare contro il presidente eletto Mohamed Morsi gli attentati delle milizie sono duplicati mietendo centinaia di vittime. E proprio oggi ne sono caduti altri 11 tra poliziotti e soldati. È stato un ordigno lasciato lungo la strada a provocare i morti. La bomba è esplosa al passaggio del loro veicolo sulla via che conduce a Rafah, città al confine con la striscia di Gaza.

Il principale gruppo di miliziani autore degli attentati, probabile artefice anche di quello avvenuto oggi, è Ansar Beit al-Magdis, dei “partigiani di Gerusalemme”, responsabili di molti attacchi contro le forze di sicurezza. Lo stesso gruppo, pochi giorni fa, aveva anche diffuso il video della decapitazione di alcuni uomini accusati di essere spie israeliane.

 

Le immagini utilizzate in forma anonima negli articoli sono in parte prese da internet allo scopo puramente descrittivo/divulgativo. Se riconosci la proprietà di una foto e non intendi concederne l’utilizzo o vuoi firmarla: invia una segnalazione a direttore@interris.it

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.